Storie

✍ una grande bellezza

images3

Una brezza delicata, dolce increspa appena il mare e accompagna con complice intimità il tepore del sole di primavera. Quel sole appena surriscaldato, la cui energia ritempra e induce all’ozio, all’introspezione. A volare oltre le miserie e gli affanni incrostati della realtà. Privo ancora di quella esuberanza estiva che, al contrario, spossa e rende insopportabili le ineluttabili gromme. Immerso in questo ammaliante sollievo, come se quel giorno fosse stato riconfigurato magnanimamente per me, giaccio in una estatica meditazione, seduto al bar. In compagnia di un piccolo gabbiano appollaiato alla vicina balaustra. E così, mentre navigo oltre le nuvole, tra i meandri intricati di mille e più pensieri, vecchi perlopiù, ma anche nuovi e persino futuri, lontani, inopinatamente progettuali, che mi appare Eufrasia. Nitida e sorridente come mai l’avevo vista prima. Il suo volto è radioso, ed anche i suoi occhi, grandi e verdi, gioiosamente manifestano felicità nel vedermi, nel ritrovarmi da dove non mi sono mai mosso. Indossa il suo golfino rosa preferito, e la gonna plissettata blu, svolazzante. Come il giorno in cui le nostre vite si divisero per sempre, anche se ancora non ne eravamo consapevoli. Ovvero facendo finta di non sentire quelle sensazioni piccole, ma infallibili, sprofondate negli abissi dell’animo e che gridano a squarciagola la verità, solo quella.

Non ci fu mai nulla fra di noi. Se non vera amicizia. Tranne un attimo di debolezza, in cui in nostri sensi, d’istinto e tramortiti dalla magica sintonia , sfiorarono il contatto fisico. Ancor oggi penso fu un bene. Probabilmente la coppia non avrebbe funzionato, anche nell’immediato. L’amicizia, invece, sfrondata per sempre dal vincolo oppressivo del sesso, si rivelò la più importante della mia vita e, spero, della sua.

Eufrasia aveva i capelli fulvi, folti e mossi. Che s’ingarbugliavano nei bruschi movimenti del capo e, riassestandosi, libravano nell’aria un profumo di pulito, una fragranza indefinibile e fresca, irresistibile. Non usava truccarsi. Non mise mai nemmeno un filo di rossetto. Diceva che era stupidamente borghese nella sua ottica seduttrice e ad un tempo vanesia, e meschina nella sua essenza ingannatrice. Pur non essendo una bellezza da far girare la testa, aveva dei tratti molto fini, e un incarnato etereo, picchiettato di efelidi. Il volto, irregolare e lentigginoso, aveva uno charme particolare, forse per gli occhi verdi, se non per quel nasino all’insù. Il suo vero fascino, però, era interiore. Era una grande bellezza, dentro. Un cervello e un cuore come pochi al mondo.

Sono stato, mio malgrado, un libro aperto per lei. E a lei devo tanto, forse più di quanto pensi. Per me, invece, il suo libro è rimasto per metà non letto, e non solo per mia incapacità. Quando decideva che era ora di piazzare il segnacolo, non c’era verso di andare oltre. Labbra serrate e occhi persi nel vuoto o abbassati. Oppure, malinconici e dispiaciuti, fissi nei miei, testardamente interrogativi.

I frutti delle nostre lunghe chiacchierate, seduti su una panchina o una spiaggia o un divano, o in cammino senza meta, o in un treno o un vaporetto o in un letto, li ho assaporati nel tempo, dopo averli ben digeriti. Avrei voluto dirglielo, dirle quanto le fossi grato, ma sparì d’improvviso e non l’ho mai più rivista. Mi piace pensare che viva felice, ovunque sia, e che ogni tanto, quando non ha nulla da fare, e la mente sorvola sul passato, il mio ceffo le si mostri facendosi largo nella baraonda dei ricordi, non fosse altro per dirle: “ti voglio bene”.

Guardo il gabbiano e lui guarda me. È piccolo e bello, aggraziato e dal becco affusolato. E i suoi occhi sono vispi. Sorseggio il caffè, ormai freddo, e guardando verso l’orizzonte, mentre la mano in tasca controlla la presenza delle due monete per poter pagare, prendo consapevolezza che nemmeno Eufrasia, se avesse potuto essermi vicina, avrebbe potuto impedire a me stesso di ridurmi così male.

✡ orapfcoaèpc
Annunci
Standard

8 thoughts on “✍ una grande bellezza

  1. Ultimamente hai toni diversi. Capisco la differenza e, nella mia interpretazione, è foriera di cambiamenti, come un passaggio inevitabile.
    Và che ci sono persone che proprio non funzionano in coppia, con chiunque.

    • Talvolta ciò che sembrava forte, indelebile ritorna alla memoria sfocato o privo di consistenza, quasi da rinnegare. Ovvero rimanga sepolto per sempre sotto le stratificazioni temporo-emozionali. O, al contrario, fin troppo nitido. Eccessivo, mitizzato dall’attimo fuggente.

  2. Jessica Servidio ha detto:

    Tutti lasciano traccia, cicatrici diverse fra loro, immagini, parole indelebili; altri ferite che continuano a sanguinare, ossa rotte che, ad una variazione di temperatura, tornano a far male.

  3. Giuseppe Scilipoti ha detto:

    Bravissimo e poetico.
    Il titolo del racconto”Una grande bellezza” rende giustizia per queste righe bellissime che mi hanno fatto commuovere!
    Giampiero, avevo già avuto modo di leggerti qualche anno e con molta sincerità commentai tutti i tuoi lavoro, rimanendo entusiasta per il tuo modo di scrivere e di esporre. Li rileggerò senz’altro.
    Analizzando questo racconto, rimango stupito non solo dalla sua bellezza, ma anche perchè in maniera delicata sai esporre il tuo stato d’animo e i tuoi sentimenti sinceri per Eufrasia (perfetto il nome che richiama l’antica Grecia), un amicizia che alla fine era molto di piu.
    Non so se lo scritto risulta autobiografico, comunque mi viene da pensare che alla fine il suo allontanamento improvviso fu necessario.
    Forse consapevole che ciò che albergava dentro di te, lo stesso era per lei e per non rovinare quell’unione “perfetta” ha preferito appunto troncare.
    Un grosso plauso vanno anche ai termini ricercati implementati, il racconto benchè risulti brevi, ha una sua “bellezza” indiscutibile ed è curato nei minimi dettagli.
    Perfettamente incasellata anche la figura del gabbiano, ed anche il finale intriso di malinconia.
    In conclusione attraverso questo racconto, mi sono emozionato fin dal primo rigo…e mi sono immerso assieme a te in questi teneri ricordi.
    Attendo altri tuoi componimenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...