Storie

✍edmund pettus bridge

Edmund_Pettus_Bridge_03

Il fiume scorreva placido e luccicante sotto un sole che, a dispetto dell’inverno, spaccava le pietre. Le biciclette filavano allegre lungo la statale 80, insolitamente deserta. In sella i due non potevano essere che felici, avvolti com’erano in un amore travolgente. Lui aveva 15 anni, quando era riuscito a far breccia nel suo cuore riluttante dalla paura, lei invece appena dodici. Ora ne avevano sette in più, ma l’ardore non si era affatto infievolito, anzi ormai erano inscindibili, non riuscivano a stare un secondo l’una senza l’altro.

In tale stato di grazia non potevano certo far caso al pick-up che, qualche miglio indietro, li seguiva grifagno.

Raggiunto il ponte, proprio sotto il centro dell’arco d’acciaio che ne caratterizza la struttura, abbandonate le biciclette sull’asfalto, si protesero dal parapetto per sentire l’eco delle loro voci che urlavano al vento, al mondo il loro amore, la loro gioia di vivere.

Nonostante sin da neonati avessero appreso, con dolore e umiliazioni, che la loro pelle sarebbe stata sempre fonte di guai e ostacolo insormontabile alla loro libertà.

Nonostante fossero ormai consapevoli che la loro patria non era affatto il paradiso che faceva sognare gli stranieri, ma un inferno che aveva bruciato genti e idee nel nome di una democrazia posticcia. E i cui angeli dalla faccia sporca avevano, di fatto, evangelizzato quasi tutto il globo, anche senza colpo ferire. Con l’inganno.  

Non si accorsero di nulla. Bastonati e spinti nel fiume, annegarono mano nella mano. Con la benedizione del Grande Dragone.  

 

Annunci
Standard

One thought on “✍edmund pettus bridge

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...