Narrativa, Saggistica & Poesia

☞ e allora bevo

Dint’ a butteglia
n’atu rito ‘e vino
è rimasto…
Embè
che fa
m’ ‘o guardo?
M’ ‘o tengo mente
e dico:
“Me l’astipo
e dimane m’ ‘o bevo?”
Dimane nun esiste.
E ‘o juorno primma,
siccome se n ‘è gghiuto,
manco esiste.
Esiste sulamente
stu mumento
‘e chistu rito ‘e vino int’ ‘a butteglia.
E che ffaccio,
m’ ‘o perdo?
Che ne parlammo a ffà!
Si m’ ‘o perdesse
manc’ ‘a butteglia me perdunarria.
E allora bevo…
E chistu surz’ ‘e vino
vence ‘a partita cu l’eternità!

Immagine

Annunci
Standard

2 thoughts on “☞ e allora bevo

  1. Non la conoscevo, spesso a Sud l’idea del futuro svanisce e resta solo l’oggi da tracannare più o meno velocemente. In siciliano per esempio il tempo al futuro non esiste…perchè dovrebbe essere diverso? La sintassi nasce dalla storia di un popolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...